Sulle sponde del lago di Pusiano



26/07/2020 - Sulle sponde del lago di Pusiano in MTB
Album fotografico
Distance: 37 km - 478 m Ascent - 475 m Descent





Luogo
Indirizzo
Luogo di Partenza
Briosco (MB)
Parcheggio Centro Sportivo
Via Magellano

Raggiungibile con
Auto/MTB
Luogo di Arrivo
Briosco (MB)
Parcheggio Centro Sportivo
Via Magellano



Un nuovo tracciato, mai impegnativo, ma che prevede alcuni bellissimi tratti sterrati che risalgono e ridiscendono in continuazione le belle colline della nostra Brianza. Gran bel gruppone anche oggi con 16 biker per la partenza da Briosco presso il parcheggio del Centro Sportivo. Una temperatura abbastanza accettabile anche se il cielo è rimasto per gran parte della mattinata abbastanza velato e rispetto ai giorni precedenti qualche grado in più di temperatura con il rialzo conseguente di più umidità nell'aria. Terreni in ottime condizioni e come sempre la bella ed ottima compagnia.






Si parte alle 8:02 dal parcheggio del centro sportivo di Briosco per portarci, prima di tutto, presso la Pasticceria da Ivan dove un buon caffè, prima della partenza effettiva, ci sta tutto. Ritornati presso il punto di partenza prendiamo la strada che passa accanto a Cascina Foppa e poi a Cascina Biula prima di immettersi nei bellissimi sentieri del Bosco della Gagiada. Li conosciamo a memoria ma quest'oggi qualche buca di troppo ostacola il passaggio in alcuni punti (colpa delle bombe d'acqua che oramai si abbattono anche sulla nostra regione e che ovviamente data la grossa quantità d'acqua in caduta smuovono anche fin troppo il terreno). Ovviamente rallentiamo solamente la nostra marcia e andiamo a proseguire affrontando con voglia gli altri tratti che rendono tutto questo ancor più divertente. In discesa raggiungiamo la valletta del Rio Bevera e lo attraversiamo sul piccolo ponte in legno e portandoci dalla parte opposta, uscendo dal bosco, prendiamo il sentiero che a sinistra ci conduce alle prime case della frazione Fornaci.



Superiamo i piloni del ponte sulla  SS36  e procediamo verso la stradina di via Molera. Raggiunto l'incrocio giriamo a destra e con il lungo rettilineo andiamo ad attraversare le case del piccolo paesino superando la Chiesa della Beata Vergine Immacolata per poi proseguire in direzione del bivio. Girando a sinistra ci portiamo in frazione Fornacetta di Inverigo e superato il piccolo Oratorio di San Mauro giriamo a destra su via Cattafame. Ci portiamo sulla Ciclo-Pedonale Monza-Erba che prosegue in direzione di Gaggio e arrivati poi, dopo il centro sportivo, sulla sterrata che passa a fianco delle sponde del fiume Lambro raggiungiamo la località Ceresa e subito dopo Cascina Brascesco.
Cascina Volpera
Qui lasciamo la GreenWay  e girando a destra iniziamo la salita, su sterrato, arrivando nei pressi del Camposanto della frazione Cibrone di Nibionno. Poco prima della strada asfaltata, che porta al piazzale, giriamo a sinistra e con un breve strappetto andiamo a riprendere un'altra bella sterrata che ci conduce a Cascina Volpera. La lasciamo alla nostra destra e proseguendo in discesa andiamo a percorrere ancora un bel tratto sterrato che arriva alla piccola frazione San Cristoforo di Costa Masnaga.


Quando arriviamo all'incrocio con la strada asfaltata ci teniamo a destra e seguiamo la stradina in salita superando il piccolo svincolo per portarci sul breve rettilineo di via Clonmel. Lo lasciamo quando giriamo a sinistra ed andiamo a percorrere la bella discesa su via San
Calvenzana
Luigi. Al bivio successivo giriamo a destra per prendere la stradina, che in seguito diventa sterrata, e andiamo a superare il Quagliodromo di Costa Masnaga. Arrivati all'incrocio con la strada asfaltata la andiamo ad attraversare e portandoci in leggera salita sulla sterrata successiva entriamo nella Valle della Bevera andando ad attraversare il bosco. Uscendone aggiriamo, sempre su strada sterrata, la zona industriale di Calvenzana entrando nel territorio comunale di Rogeno. All'incrocio con via Spino giriamo a sinistra e risaliamo fino al primo bivio dove tenendoci a destra imbocchiamo via A. De Gasperi. La strada con qualche curva destra/sinistra raggiunge un'altro bivio e anche qui ci teniamo a destra per andare a percorrere via delle Brianne. 


La stretta stradina, sterrata, supera su un ponte, la linea ferroviaria Monza-Molteno e dopo alcune curve arriva all'incrocio con la  SP47 . Giriamo a destra, mantenendoci in rigorosa fila indiana, superando il cancello d'entrata dell'Istituto Sacra Famiglia e poco più avanti giriamo a sinistra per percorrere via Don L. Monza. Al primo bivio giriamo a destra e portandoci nuovamente su strada sterrata superiamo il Crossodromo del Bordone di
Garbagnate Rota
Bosisio Parini. Percorriamo la sterrata  Strada del Carreggio  e quando termina giriamo a sinistra su via Brianza, che passa nel mezzo di alcuni capannoni, raggiungendo la traversa di via Caminanz dove giriamo a sinistra. La strada, dopo un leggero strappo, ritorna sterrata e andando ad attraversare alcuni prati e rimanendo a ridosso del boschetto ci conduce alla periferia di Garbagnate Rota. Attraversata via Don L. Monza imbocchiamo via V. Veneto e risaliamo seguendo questa bella stradina verso il centro storico del paesino. All'incrocio con via San Giuseppe giriamo a sinistra e andiamo ad attraversarlo per poi portarci in discesa fino all'incrocio con la  SP47


Giriamo a destra e percorrendone poco meno di 200 m arriviamo a ridosso di un piccolo capannone industriale dove giriamo a sinistra per entrare sulla stradina sterrata che poco più avanti devia a sinistra e raggiunge la sponda del Lago di Pusiano. Su un bel sentiero arriviamo ad attraversare un piccolo ponticello in legno e procediamo sempre su fondo sterrato con alcune piccole deviazioni che ci fanno divertire. Poco più avanti arriviamo sulla parte cementata del lungolago e raggiungiamo Casletto. Una sosta non può mancare per ammirare il bel panorama che si gode da questo punto. Il lago, poi, oggi è uno specchio che riflette, sulle sue acque, la sagoma dei monti che si trovano sulla sponda opposta. Qualche scatto fotografico, per ricordo del passaggio del gruppo, poi si riparte. Girando a sinistra sulla stradina di via A. Moro andiamo ad utilizzare il sottopasso che attraversa la  SP47  e raggiungiamo il bivio. Arrivati in piazza San Marco, a fianco della Chiesa dei SS Gregorio e Marco, giriamo a destra su via Vittorio Emanuele e poco più avanti, alla traversa di via G. Mazzini, ci teniamo a sinistra ed andiamo a percorrere questa bella stradina che termina davanti ad un cancello. Noi giriamo a sinistra dove, con una breve discesa, attraversiamo un prato, ci infiliamo nel boschetto, attraversiamo su un ponticello la linea ferroviaria Como-Lecco, proseguendo poi, con una deviazione a destra, su sentiero che rimane a ridosso del boschetto e raggiunge un bivio.

Giriamo a destra ed attraversando dei bei pratoni arriviamo sull'asfaltata A. De Gasperi nell'immediata periferia della frazione Moiana. Strada sempre in leggerissima salita che raggiunge un bivio dove proseguiamo diritto su via F. Crispi raggiungendo l'incrocio con via Cavour nell'altra frazione Maglio del comune di Merone. Giriamo a sinistra ed in discesa ci portiamo ad un trivio dove giriamo ancora a sinistra per imboccare via S. D'Acquisto. Percorriamo alcune curve di questa bella strada dove, anche se quest'oggi è domenica, di traffico non ne troviamo. Arrivati in località
Parco di Brenno
Maggiolino giriamo a destra sulla bella sterrata che passa a fianco di alcuni terrazzamenti seguendo la  Strada per Maggiolino . Raggiunto un bivio proseguiamo verso sinistra e imbocchiamo  Strada per Colombaio  che va ad attraversare un bellissimo tratto tra le colline della Brianza e ci conduce in località Colombaio. Ritroviamo la strada asfaltata di via per Rogeno e giriamo a destra e superando il ponte sul torrente Bevera. Ancora a destra e ci portiamo all'interno del Parco di Brenno. Solitamente con il cancello aperto, questa mattina invece lo troviamo chiuso e con qualche difficoltà facciamo passare le nostre mtb dal girello che delimita il passaggio alla nostra destra. Ne seguiamo le belle sterrate che passano accanto alle sponde e rimanendo sempre all'ombra del bosco guadagniamo l'uscita nei pressi del parcheggio e sulla stradina successiva arriviamo ad un bivio.


Giriamo a destra ed andiamo a percorrere il bellissimo rettilineo che, su strada bianca, ci fa arrivare a fianco di Cascina Campomarzo. Al bivio giriamo a sinistra e ci portiamo nuovamente sulla Ciclo-Pedonale Monza-Erba, che percorriamo in senso opposto, e con questo bellissimo tratto, dove non mancano i saliscendi, rimaniamo comunque non distanti dalle sponde del fiume Lambro raggiungendo la periferia della frazione Camisasca. Girando a destra su via Dante Alighieri superiamo il ponte e risaliamo dalla parte opposta raggiungendo la periferia di Lambrugo. Entrando tra le case percorriamo via Martiri della Libertà e giriamo a sinistra quando arriviamo all'incrocio con via Roma. La seguiamo e dopo un paio di curve ci portiamo al semaforo dell'incrocio con la  SP342 .
Chiesetta Rossa
Tenuta di Pomelasca
La attraversiamo e portatici su via Milano giriamo subito a destra ed iniziamo la salita su via A. Monti che prosegue ancora dopo la traversa a destra di via Belvedere. Ci portiamo al bivio con via Dante Alighieri girando a sinistra e alla traversa, sterrata, risaliamo sulla strada alberata a fianco di Villa Sormani. raggiungendo la Tenuta di Pomelasca. Superiamo il cancello d'ingresso e arriviamo al bivio dove troviamo alla nostra destra la bellissima Chiesetta Rossa. Proseguiamo diritto procedendo su via A. da Giussano e andiamo a superare il passaggio a livello per andare a percorrere la bella stradina alberata che raggiunge l'incrocio con via Trento. Procedendo diritto percorriamo il rettilineo che ci porta a pochi passi dal Santuario di Santa Maria della Noce (Sec. XVI). 
Girando a sinistra arriviamo al bivio, di fronte al parcheggio, dove giriamo a destra e andiamo a percorrere via IV Novembre che in leggera salita ci porta nel centro di Inverigo. Poco dopo iniziamo la discesa sul rettilineo di via XXV Aprile e dopo il bivio su via General Cantore e ci portiamo all'altezza della prima traversa, a sinistra, di via A. Diaz. Giriamo e superiamo il passaggio a livello, sulla linea ferroviaria Milano-Asso, e subito dopo prendiamo a destra la stradina di via Papa Urbano III. 

Percorrendone un lungo tratto arriviamo alla traversa di via Don L. Sturzo e giriamo a sinistra andando a superare i panettoni che delimitano il passaggio sul tratto sterrato/sentiero che in discesa raggiunge Villa Romanò. Superata la sbarra ci portiamo in direzione della rotonda e giriamo a destra su via C. Bianchi. Passiamo a fianco della biblioteca comunale e proseguiamo su via G. Marconi per arrivare alla periferia di Romanò Brianza. Raggiunta piazza Libertà, a fianco troviamo Villa Mezzanotte, al bivio giriamo a destra e andiamo a percorrere un breve tratto di via Monte Nero per girare poi a sinistra su via della Madonnina. Alla prima traversa prendiamo il vicolo che ci conduce al bivio con via G. Mazzini ed iniziamo la bella discesa che supera il Camposanto e prosegue poi a curve fino all'arrivo al tornante dove poco più avanti lasciamo l'asfalto per girare a destra e riprendere nuovamente la GreenWay del Lambro seguendo la  Strada per Peregallo . Sempre in discesa con belle curve, ma il consiglio è di pensare sempre che potrebbe esserci anche qualcun'altro sulla strada oltre a noi, ci portiamo a ridosso delle sponde del fiume e le lasciamo solamente quando termina il tratto sterrato sotto i piloni della  SS36 La stradina asfaltata ci porta adesso tra le case della frazione Peregallo e arriviamo all'incrocio con la  SP102 . Con cautela la attraversiamo tenendoci a sinistra e poco dopo iniziamo la salita, mai però dura, che con qualche bella curva risale in direzione di Briosco. Raggiunto l'incrocio con prudenza giriamo a sinistra e poco più avanti lasciamo la provinciale per girare a destra su via M. Polo. Un brevissimo strappo e poi la discesa che su rettilineo arriva all'incrocio con la  SP155 . Mancano oramai pochissimi metri al termine di questo nuovo tracciato e non ci resta che girare a sinistra per raggiungere la traversa di via Magellano dove ci riportiamo al parcheggio.

 

Commenti

Post

Sospensione di tutte le attività

50 Km nella Brianza in MTB

Un bel giro in mtb

La Valle del Cantalupo, Brovada, Pegorino e Rio Bevera

La Brianza intorno a Briosco

Tante stradine e sterrate verso Montorfano

Auguri

Boschi della Brovada-Brusignone-Pegorino

Un Giro nel Parco Adda

Piccolo itinerario tra le colline della Brianza