Un Giro nel Parco Adda


06/10/2019 - Un Giro nel Parco Adda
Album fotografico
Distance: 37 km - 582 m Ascent - 582 m Descent


Partenza da:
Arrivo a:
Parcheggio stazione di Merate-Cernusco Lombardone
Parcheggio stazione di Merate-Cernusco Lombardone
Raggiungibile con:
Auto-Mtb-Treno

Siamo in tanti anche oggi, sebbene la mattinata sia abbastanza fresca e forse la prima vera giornata dove l'autunno inizia a farsi sentire. Tanti amici, tanta compagnia e tanto divertimento su un tracciato dove le salite ci sono ma non sono mai impossibili e dove alcuni passaggi tecnici sono davvero da provare. Per il resto sentieri perfetti con il giusto tasso di umidità che non fa alzare polveroni e le belle viste sulle anse del fiume Adda hanno reso anche questa bella giornata un'altra di quelle da ricordare.


La partenza, dal parcheggio retrostante la stazione di Cernusco Lombardone-Merate, ci porta a prendere a destra via Stoppani che supera il sottopasso ferroviario e risale dalla parte opposta andando in direzione della rotonda. Ci teniamo a sinistra e andiamo a percorrere il rettilineo che nel senso opposto arriva all'entrata del " Sentiero ciclo-pedonale Pagnano-Stazione ". Il primo tratto scorre tra la linea ferroviaria e i campi di calcio del centro sportivo e successivamente gira a destra superando, sul ponte, il Torrente Molgora ed arriva ad incrociare via Promessi Sposi.

Giriamo a destra e ne percorriamo circa 200 m per poi immetterci, a sinistra, ne single trail che risale la collinetta ed arriva dopo un paio di curve su via A. Lamarmora. Seguiamo la stradina asfaltata ed arriviamo a ridosso del Camposanto di Pagnano, frazione di Merate, e ci portiamo sul rettilineo di via Rimembranze. Arrivati all'incrocio giriamo a sinistra e raggiungiamo piazza San Carlo dove troviamo alla nostra sinistra la Chiesa Parrocchiale di San Giorgio (Sec. XVI).

Giriamo a destra seguendo il Vicolo che ci conduce poi a destra nei pressi del Campo di Calcio e percorrendo via bellavista superiamo il primo incrocio ed al bivio di Largo Fumagalli giriamo a sinistra andando a percorrere il rettilineo che arriva ad incrociare via Tofane dove giriamo a sinistra. Arrivati all'incrocio di via A. Moro giriamo a destra e andiamo a percorrere via Monte Rosa ed arriviamo nei pressi del sovrappasso della ferrovia giriamo a sinistra ed andiamo a percorrere la sterrata che per un tratto la affianca.

Questo tratto in leggera discesa ci porta al piccolo sottopasso ferroviario dove giriamo a destra risalendo dalla parte opposta per portarci in direzione di Pianezzo piccola frazione di Olgiate Molgora. Ritrovata la stradina asfaltata di via dei Campi arriviamo all'incrocio con via Bagaggera e giriamo a destra andando a percorrere un tratto di via Pianezzo lasciamo poco dopo per girare a sinistra seguendo la sterrata che ci conduce a Cascina Molino Cattaneo. Andiamo ad attraversarne il cortile tenendoci a sinistra e raggiungiamo l'incrocio con via Pianezzo.

Giriamo a destra e seguiamo il lungo rettilineo che arriva all'incrocio di via del Calendone. Giriamo a sinistra e percorriamo un brevissimo tratto di via Pilata per girare ancora a sinistra su via Beolco e ne seguiamo un lungo tratto senza mai cambiare la direzione. Arrivati ad incrociare nuovamente via Pilata giriamo ancora a sinistra e poi alla prima traversa a destra imbocchiamo via Belfiore. Arrivati all'incrocio con via Mirasole giriamo a destra e poi alla prima traversa a sinistra seguendo via Pineta.

Siamo alla periferia di Olgiate Molgora e la bella e stretta stradina all'inizio asfaltata lascia poi spazio ad una sterrata che risale la collinetta e con un tornante ci porta su via Panoramica dove iniziamo il tratto in discesa che ci conduce dopo un paio di tornanti all'incrocio con via Mirasole. Ci teniamo a sinistra ed alla prima traversa giriamo a sinistra per immetterci su via dei Pioppi che con un rettilineo ci porta quasi a ridosso della provinciale  SS342 . Noi però giriamo a sinistra e procediamo sulla sterrata che passa a fianco del boschetto e che termina quando arriva ad incrociare la stradina di via Pilata.

Girando a destra, poco dopo, raggiungiamo l'incrocio sulla statale e la attraversiamo quando siamo alla frazione Casternago. Andiamo a percorrere 100 m di  SP58  ed al primo bivio ci teniamo a destra per seguire via della Salute e raggiunto il bivio giriamo a destra sulla stradina di via della Molgoretta che in continua, leggera, salita ci fa arrivare al piccolo borgo di Mondonico.  Sotto passiamo la volta di un antico portone e giriamo a destra entrando nella viuzza che attraversa il piccolo paesino e seguiamo via la Cà e poi via E. Gola.

Raggiunto il bivio con via Mondonico lo superiamo andando a percorrere la bella stradina di via Squadra che con un ampio curvone a destra ci porta prima su via del Pergolone e quindi all'incrocio con via Mondonico.  Procedendo sempre in leggera discesa tenendo sempre la sinistra andremo a percorrere via Buttero e poi via San Primo arrivando nella periferia di Olgiate Molgora dove raggiungiamo la rotonda. La attraversiamo e procediamo su via Caduti della Liberazione nella frazione Olcellera

Raggiunto il trivio ci teniamo a destra e seguiamo via Cesare Cantù passando a fianco della Chiesa di San Zeno (Sec. XVI) e con un lungo rettilineo, in costante discesa, arriviamo fino ad una rotonda ed una volta superata andiamo ad incrociare la  SP72 . La attraversiamo e ci immettiamo su via per Brivio e su via per Olgiate Molgora e raggiungiamo la grande rotonda sulla  SP342 . Anche in questo punto attraversiamo la statale e procediamo sulla stradina di via San Giorgio per poi raggiungere il bivio con via Papa Giovanni XXIII.

Giriamo a sinistra e percorriamo il rettilineo e dopo circa 300 m giriamo a sinistra quando incrociamo la sterrata che in un primo momento è pianeggiante ma dopo la curva a sinistra inizia un tratto in salita, entrando nel bosco, verso Cascina Margherita. Al bivio della stradina, che entra in direzione del caseggiato, noi procediamo ancora diritto e sempre su strada sterrata arriviamo davanti a Cascina Tripoli dove deviamo a sinistra e andiamo a percorrere il rettilineo che arriva all'incrocio con via G. Marconi nel comune di Brivio.

Seguendo a destra la strada arriviamo al bivio con via A. Volta e tenendoci a sinistra percorriamo il breve rettilineo che arriva all'incrocio con la  SP342 . La attraversiamo ed entriamo nel centro storico del paese e seguendo le strette stradine ci portiamo verso le sponde del fiume Adda. Giriamo a destra ed iniziamo il bel tratto sulla Ciclovia dei Laghi che segue sempre le sponde del fiume ed arriva prima a Imbersago davanti al molo del "Traghetto di Leonardo" (Il traghetto di Leonardo è un particolare tipo di traghetto a mano, che prende il nome dal suo presunto inventore, Leonardo da Vinci. Ad oggi esistono due soli esemplari tuttora funzionanti: uno unisce i moli di Imbersago (Lecco) e Villa d'Adda (Bergamo), all'interno dell'Ecomuseo Adda di Leonardo da Vinci; l'altro collega i moli sulle due sponde opposte del fiume Tevere, all'interno della Riserva Naturale di Nazzano (Roma).

Dopo una breve pausa ci riportiamo sulla sterrata, superando i vari pali di protezione per l'entrata di veicoli a motore, e riprendiamo la nostra pedalata verso Paderno d'Adda che raggiungiamo dopo circa 4 km passando prima accanto alla Diga di Robbiate e successivamente andando a prendere la bella ed impegnativa salita che ci conduce, quando termina, a fianco della piccola Chiesetta degli Alpini. All'incrocio della  SP54  la attraversiamo e seguiamo il rettilineo di via F. Airoldi per girare poi a destra su via G. Marconi. 

Arrivati all'incrocio con la provinciale la attraversiamo e procediamo su via della Rebusta entrando poco dopo nel territorio comunale di Robbiate. Raggiunto l'incrocio con via San Francesco d'Assisi giriamo a destra e percorriamo il rettilineo ed alla prima traversa a destra giriamo sulla stradina di via dei Mulini e poco dopo, girando a sinistra, iniziamo la salita su strada sterrata verso le prime rampe del Monte Robbio

Salite mai al limite e tutte pedalabili anche se il fondo non è certamente, in alcuni punti, dei migliori con tratti sassosi misti a sterrato e una buona quantità di rovi che in queste zone non mancano mai. Aggiriamo questa collina rimanendo sempre all'interno del bosco e superiamo prima Cascina Duraga e seguendo un bel tratto in falsopiano andiamo poi a raggiungere con l'ultimo strappo la piccola frazione San Rocco passando accanto alle cupole dell'Osservatorio Astronomico.

Da questo punto, fino all'arrivo, la strada sarà sempre in costante discesa e tenendoci a sinistra superiamo prima Villa Subaglio (Sec. XVIII) e seguendo via C. Cornaggia il Parco di Villa Belgioioso ed entrando nel centro storico cittadino di Merate passiamo davanti a Palazzo Tettamanti (Sede del Comune) e procedendo sul rettilineo di viale Lombardia lo percorriamo fino a raggiungere l'incrocio. Giriamo a sinistra e imbocchiamo via Indipendenza ed arrivati in Piazza Italia proseguiamo ancora diritto su via Don C. Cazzaniga.

Percorrendo il lungo rettilineo arriviamo all'incrocio con via G. Verdi e la attraversiamo portandoci su via F.lli Cernuschi dove alla prima traversa giriamo a destra su via G. Agnesi. All'incrocio con via G. Donizetti giriamo a destra e dopo un breve rettilineo a sinistra su via S. Ferrario che arriva all'incrocio con via V. Sala. La attraversiamo e proseguendo in un tratto pianeggiante arriviamo all'incrocio con via G. Verdi dove giriamo a destra e procediamo in direzione della grande rotonda sulla  SP342 . La attraversiamo e seguiamo un piccolo tratto di  SP54  per girare poi a sinistra su via Privata Stazione e scendere in direzione del parcheggio su via Stoppani dove concludiamo anche questo bel giro odierno.

Commenti

Post

Sospensione di tutte le attività

50 Km nella Brianza in MTB

Un bel giro in mtb

La Valle del Cantalupo, Brovada, Pegorino e Rio Bevera

La Brianza intorno a Briosco

Tante stradine e sterrate verso Montorfano

Auguri

Boschi della Brovada-Brusignone-Pegorino

Piccolo itinerario tra le colline della Brianza